Il 5G al WCM (Mobile World Congress) di Barcellona

il futuro è sempre più vicino
il 5G al WMC di Barcellona

Il 5G al WCM (Mobile World Congress) di Barcellona: il futuro è sempre più vicino

condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone

Alcuni hanno definito il 5G una rivoluzione. Altri hanno parlato dell’inizio di una nuova era. Quello che è certo è che il 5G è il futuro e la fiera sulla telefonia di Barcellona ne è la conferma. Il 5G al WCM era ovunque. Allora facciamo un riassunto di cosa si è parlato in quattro giorni, dal 25 al 28 febbraio.

5G: le caratteristiche
È sicuramente riduttivo dire che il 5G sarà più veloce del 4G. Perché lo sarà, ma a cambiare è la qualità della rete. La latenza è ridotta al minimo: una gioia per i gamer che oggi si ritrovano scomparsi per qualche attimo durante una partita, ma anche la soddisfazione di un CTO che riesce a ottenere una connessione impeccabile anche per i dispositivi IOT più sensibili, senza interruzioni. Inoltre saranno molti di più i dispositivi che potranno connettersi a una singola cella di irradiazione.

5G: cosa cambia?
Non sappiamo ancora come si diffonderà il 5G ma di certo i benefici saranno sempre duplici, lato consumer e lato business. Le aziende potranno sfruttare le caratteristiche del 5G migliorando i propri servizi, velocizzando il lavoro e la produzione, e ottimizzando le prestazioni. Non è poco.
Un esempio? L’ospedale che si connette con un chirurgo tra i più esperti che si trova dall’altra parte del mondo per la supervisione di un intervento delicato: l’assenza quasi totale di latenza è fondamentale.
Le applicazioni sono tantissime: l’Expo di Dubai, racconta l’Ansa in questo articolo, fornirà a tutti i visitatori una guida virtuale sfruttando proprio la capacità del 5G di connettere tantissimi dispositivi contemporaneamente.

5G: quando potremo beneficiare di tutti questi vantaggi?
Se velocità e potenza sono due caratteristiche imprescindibili del 5G, non si può dire lo stesso del suo arrivo e della sua diffusione. Qui le variabili in gioco sono tante: dalle infrastrutture ai costi, fino alle killer application che dovrebbero fare da traino sul mercato. Alcuni ipotizzano che le prime a trarne vantaggio saranno proprio le aziende, perché è lì che il 5G saprà fare davvero la differenza. Un articolo di Wired afferma che l’Italia è l’unica in Europa ad aver collocato tutti gli spettri di banda per il 5G. Insomma, il nostro Paese si sta muovendo nella giusta direzione.

Il 5G è sicuramente il futuro e noi stiamo già pensando a come renderlo tuo. Come? Cercando e studiando ogni applicazione, ogni prodotto e ogni novità, e immaginando mondi possibili. Davvero possibili.

Lascia un Commento