Case history

la rete di sorveglianza Avigilon per Venezia
Videosorveglianza venezia

Case history: la rete di sorveglianza Avigilon per Venezia

Con il suo straordinario insieme di palazzi storici, chiese, musei, ponti, calli e canali, Venezia è universalmente considerata una delle città più belle del mondo, in grado di attirare circa 50mila turisti al giorno. La particolare conformazione del comune di Venezia, che oltre al nucleo storico di Venezia comprende la località di Mestre, nella terraferma, e circa 118 piccole isole sparse nella laguna, rende la questione del controllo del territorio particolarmente complicata. In una città come Venezia non solo è importante garantire la sicurezza dei suoi residenti e turisti, ma anche tutelare il suo patrimonio artistico e culturale.

Dopo essersi affidato per anni a un obsoleto sistema di videosorveglianza analogico, il Comune di Venezia due anni fa ha preso la decisione di passare a una soluzione video più sofisticata, basata su un IP con piattaforma aperta. La municipalità del capoluogo veneto ha scelto Avigilon per l’elevata qualità dei dettagli d’immagine offerta dalle telecamere del marchio canadese e per le efficienti funzionalità di archiviazione del software ACC. Luciano Marini, comandante generale della Polizia municipale di Venezia, ha affermato che Avigilon è stato scelto e preferito ai concorrenti perché l’unico produttore in grado di fornire telecamere ad alta risoluzione con un’ampia scelta di lenti.

Per la sorveglianza di piazza San Marco, uno dei luoghi più frequentati e in vista della città, sono state installate, sul campanile di San Marco, due telecamere Avigilon da 16 MpP, una a controllo della piazza verso il molo di Palazzo Ducale, l’altra in direzione dall’Ala Napoleonica del Museo Correr. Con due uniche telecamere ad alta risoluzione si è ottenuto un risultato superiore a quello già sperimentato in passato con l’installazione di più telecamere nei monumenti vicini, con il rischio di perdere frame significativi a causa della posizione poco corretta o della mancata messa a fuoco. Altre telecamere HD Pro di Avigilon da 16 e 8 Mp sono state installate a controllo del Ponte di Rialto e di piazza Ferretto a Mestre.

Il nuovo sistema di Avigilon si è dimostrato uno strumento efficace e prezioso non solo per rintracciare i colpevoli di reati e atti vandalici, ma anche per individuare attività commerciali illecite, come i numerosi venditori senza licenza presenti nelle aree più affollate della città, che prima dovevano essere verificate di persona da parte delle forze dell’ordine. Grazie alle avanzate e intuitive funzionalità del software Avigilon Control Center (ACC) è stato possibile integrare le telecamere analogiche esistenti con le nuove soluzioni HD e gestirle tutte su un’unica piattaforma. Luciano Marini, in particolare, si è detto davvero impressionato dalle capacità di zoom del software.

Il sistema di videosorveglianza di Avigilon è stato installato nel centro operativo di telecomunicazioni e videosorveglianza della polizia locale, occupa due sale e impiega 12 monitor HD da 55 pollici installati a parete. Centri di controllo aggiuntivi sono dislocati nel centro interforze di piazza San Marco, nel comando provinciale dei Carabinieri e presso il centro operativo della Polizia di Stato di Venezia. La trasmissione dei dati in HD si appoggia alla rete in fibra ottica di proprietà del Comune e le immagini registrate confluiscono in una serie di Network Video Recorder dove vengono archiviate per un minimo di sette giorni consecutivi.

Ti potrebbe interessare
stand elmat a fiera sicurezza 2019
Sicurezza 2019: la soluzione contro ogni minaccia è l’integrazione veloce e facile
videosorveglianza per i negozi
Videosorveglianza per i negozi: tra novità tecnologiche e normativa sulla privacy
controllo accessi
Controllo accessi aziendale
legge videosorveglianza case di riposo e asili
Legge su videosorveglianza in case di riposo e asili: le novità del decreto “Sblocca Cantieri”

Lascia un Commento