F-Secure

intervista a Fabio Bruno, Product Manager di Elmat
f-secure_partner_elmat

F-Secure: intervista a Fabio Bruno, Product Manager di Elmat

Oggi parleremo di F-Secure, il brand che da oltre 25 anni difende decine di milioni di persone in tutto il mondo da tutti i tipi di minacce digitali.

Disponibile presso oltre 6000 rivenditori e 200 operatori in più di 40 paesi nel mondo, la sua mission è aiutare le persone a connettersi in modo sicuro con il mondo che le circonda.

Per capire meglio quali siano i vantaggi offerti da F-Secure e perché Elmat abbia deciso di includerla tra i propri partner abbiamo intervistato Fabio Bruno, Product Manager Elmat e esperto di sicurezza informatica.

Quali sono secondo te le caratteristiche distintive di questo brand, i suoi punti di forza?

Sono tanti i punti di forza grazie ai quali F-Secure si distingue dai suoi competitor e che andrebbero evidenziati, ma vorrei soffermarmi su quelli che personalmente ritengo siano più rilevanti. Prima di tutto la possibilità per il cliente di scegliere tra una gestione centralizzata in cloud (PSB) o direttamente sul server (Business Suite), quindi in locale. Sia il portale di gestione per la PSB, sia la console Policy Manager per la gestione della Business Suite, presentano un’interfaccia molto semplice ed intuitiva, attraverso cui è possibile monitorare e configurare tutti gli aspetti di sicurezza da un’unica posizione. Altro punto di forza è la protezione completa offerta da F-Secure, disponibile per computer desktop, PC portatili, server, smartphone e tablet. Un’altra caratteristica dei prodotti F-Secure è la gestione automatica degli aggiornamenti software (patch) sia Windows che di terze parti, necessari per correggere le vulnerabilità critiche. Sicuramente una grande comodità per l’amministratore non avere la necessità di intervenire manualmente per eseguire gli aggiornamenti.

Perché Elmat ha scelto di diventare partner di F-Secure?

Elmat ha scelto di diventare Partner di F-Secure per due motivi principali: prima di tutto perché ce l’hanno chiesto i nostri clienti, una serie di richieste che col tempo si sono trasformate nell’idea di concretizzare questa necessità. Il secondo motivo deriva un po’ dal primo, ovvero l’assenza nel nostro vasto parco prodotti di un brand che fosse focalizzato esclusivamente su soluzioni antivirus. Ad oggi, grazie a WatchGuard ed F-Secure, possiamo dire senza dubbio di essere in grado di soddisfare a 360° gradi i nostri clienti per quanto riguarda le soluzioni per la sicurezza informatica.

F-Secure_Elmat

Cos’è F-Secure e perché Elmat l’ha scelta come Partner

Con la diffusione del telelavoro e della mobilità, il problema della sicurezza dei dispositivi diventa sempre più pressante. Cosa offre F-Secure per la protezione mobile?

Sì, i dispositivi mobili sono ad oggi uno dei principali obiettivi perseguiti dai criminali informatici. F-Secure offre pertanto due soluzioni per la protezione mobile, entrambe appartenenti alla Protection Service for Business: Mobile Security e Freedome for Business. La Mobile Security offre protezione in caso di smarrimento o furto del dispositivo, in caso di infezione malware o nel caso di tentativi di accesso da parte degli utenti a siti web considerati dannosi. Grazie alla funzionalità Anti-Theft integrata, è possibile localizzare e bloccare gli smartphone in pochi secondi o cancellarne i dati. La Freedome for Business offre invece protezione per le VPN, ovvero si tratta di un servizio di VPN personale che permette di crittografare tutto il traffico in entrata e in uscita per evitare di mettere a rischio i dati aziendali sensibili. Grazie alla funzione anti-malware integrata, garantisce protezione dalle applicazioni pericolose e dalle minacce che viaggiano via web. La Mobile Security supporta solo dispositivi Android, mentre la Freedome for Business supporta piattaforme iOS e Android. Diciamo che grazie a questi due prodotti, i nostri clienti possono dormire sonni tranquilli.

Quali sono le principali minacce che F-Secure aiuta a bloccare?

F-Secure, grazie alle sue soluzioni e alle funzionalità in esse integrate, è in grado principalmente di bloccare tutte le minacce attuali e quelle future, ovvero quelle non ancora conosciute. Tutto questo è possibile con DeepGuard, il servizio di protezione on-host, incluso nella Protection Service for Business e nella Business Suite. DeepGuard, attraverso un’analisi comportamentale, permette di riconoscere e bloccare le attività sospette, rilevando le minacce 0-day contro le vulnerabilità sconosciute, ovvero quelle vulnerabilità non ancora note che nel momento in cui vengono sfruttate possono diventare molto pericolose.

Tali minacce vengono chiamate così proprio perché si hanno zero giorni per riparare la falla nel programma prima che qualcuno la possa sfruttare. F-Secure offre inoltre servizi per la protezione della posta elettronica da virus e spam, protezione dai siti web dannosi e dagli attacchi browser, protezione della rete durante il trasferimento dei file, analizzando tutto il traffico SMTP, POP3, HTTP e FTP in entrata e in uscita per tutti i tipi di malware. F-Secure contribuisce anche alla tutela contro il phishing e i trojan bancari, impedendo il furto dei dati sensibili (come credenziali, password, codici di carta di credito, ecc.) e consentendo esclusivamente l’accesso a siti web da essa verificati, durante operazioni critiche come quelle bancarie on-line.

La tutela della privacy è molto importante per F-Secure: hanno anche realizzato un Digital Freedom Manifesto. Qual è la scopo di questa iniziativa?

Si tratta di un Manifesto formulato a Berlino lo scorso anno, attraverso il quale persone di tutto il mondo contribuiscono aggiungendo la propria voce per sostenere il diritto alla libertà digitale. Il manifesto non è destinato a cambiare il mondo, ma lo scopo è parlare di qualcosa per cui oggi vale la pena lottare, ovvero la tutela della nostra privacy. La struttura del manifesto si compone di 4 diversi capitoli (o argomenti): sorveglianza di massa, persecuzione digitale, colonizzazione digitale e diritti di accesso.

D’altronde ci troviamo nell’era in cui non siamo più liberi di votare senza che nessun altro lo sappia, liberi di dire ciò che pensiamo, di esporre le nostre idee in pubblico. Strumenti come Internet e cellulari, vengono ormai utilizzati per la sorveglianza di massa, non solo per spiare ricercati o sospetti criminali, ma purtroppo anche la gente comune violando così ogni diritto alla privacy. Il manifesto si batte inoltre contro la capacità di raccogliere e memorizzare i nostri dati privati, i quali dovrebbero essere invece riconosciuti come proprietà fisica e degni di tutela. Ed infine la libertà di accesso e di espressione, affinché tutto quello che noi diciamo o scriviamo in privato non diventi di interesse pubblico. A mio parere un’iniziativa interessante.

Ti potrebbe interessare
cyber-sicurezza-2020
Cyber sicurezza 2020: vulnerabilità e consigli per una protezione totale. Anche quest’anno.
ELMAT – INNOVATION DAY 2018
BYOD & IOMT – FENOMENI EMERGENTI NELLA WI-FI SECURITY
Cybersecurity: i dati dell’Internet Security Report

Lascia un Commento