IoT e sicurezza informatica

Quali rischi comporta l’IoT per la sicurezza? Come proteggere la propria rete?
iot sicurezza informatica

IoT e sicurezza informatica

Quali rischi comporta l’IoT per la sicurezza? Come proteggere la propria rete?

L’IoT è innovazione e futuro. È una tecnologia che racchiude in sé la possibilità di trasformare le città in Smart City, di migliorare la produttività nelle industrie e ottimizzare molti altri contesti. Tuttavia come qualsiasi altra novità che entra nel settore della tecnologia, va adottata con senso critico.

L’IoT (Internet of Things) per definizione è un termine che identifica “oggetti connessi in rete” e pertanto questi oggetti interagiscono con la rete trasmettendo dati e informazioni, scambiandoli tra internet e il mondo reale.
Chi si occupa di cyber security comprende subito che questa connessione rappresenta dei rischi ma vale la pena di sottolinearlo: l’Iot, dalla sicurezza informatica, è imprescindibile.
Ogni volta che si introduce un sistema connesso e comunicante e non si attuano controlli né di autenticazione né di accesso, la probabilità che si verifichi un attacco informatico o un’intrusione è sempre alta. L’avevamo accennato anche nel nostro articolo sulla cyber sicurezza 2020.

IoT e sicurezza informatica: i rischi

Il primo rischio deriva dall’infrastruttura della rete. A prescindere da quella scelta o dal protocollo wireless utilizzato, bisogna capire se e quali funzionalità di sicurezza supportano, come per esempio l’autenticazione, la cifratura e il controllo del traffico.
Altri rischi sono relativi ai dispositivi IoT. Va valutato come si connettono ai sensori, se hanno un’autenticazione oppure se sono basati su sistemi operativi generici.
Considerando invece la totalità del sistema IoT, va tenuto conto del numero di dispositivi collegati. In genere più è alto questo numero e più è probabile che si verifichi un attacco.

Sicurezza informatica per i sistemi IoT: cosa puoi fare?

Aumentare la sicurezza fisica dell’infrastruttura IoT.
Puoi proteggere fisicamente un sistema IoT realizzando hardware che abbiano meccanismi integrati per il rilevamento di manomissioni o potenziali violazioni. Infatti gli attacchi più dannosi per la sicurezza di un’infrastruttura IoT sono lanciati tramite l’accesso fisico ai dispositivi.
Per esempio puoi prevedere una procedura di sicurezza che protegga le porte USB e altri tipi di accesso dall’uso non autorizzato.

Aggiornare periodicamente il firmware dei dispositivi IoT per proteggerli dalle intrusioni da parte di hacker.
La maggior parte dei dispositivi IoT non ha spazio di archiviazione locale e ha poche risorse, quindi per iniettare del codice malevolo occorre modificarne il firmware. Per evitare, come già accaduto in tanti casi, di trovarsi interi network di dispositivi IoT compromessi, è consigliabile utilizzare quei dispositivi che impiegano meccanismi di avvio sicuro e la verifica della firma del software in esecuzione.

Adottare le migliori strategie di difesa per garantire a tutti gli utenti la massima tutela della privacy.

Usare meccanismi di crittografia nel trasporto delle informazioni.
Con la cifratura dei dati in transito e potenti algoritmi di crittografia eviti attacchi come Sniffing e Man In The Middle.

Rendere più sicuro l’accesso alle interfacce web di amministrazione in cloud dei dispositivi IoT.
Le credenziali per l’autenticazione nel cloud usate per la configurazione di un sistema IoT sono uno dei modi più semplici per accedere e compromettere l’intera infrastruttura. Puoi proteggere queste credenziali modificando frequentemente le password, attivando i meccanismi di autenticazione a due fattori e gestendo i log degli accessi.

Configurare correttamente le soluzioni hardware/software per la sicurezza IT.
Avere una soluzione completa per la sicurezza informatica, che preveda sia firewall che antivirus, è indispensabile per proteggerti dagli attacchi. Per questo, pensiamo che WatchGuard sia una delle migliori soluzioni disponibili.

WatchGuard è ideale per ogni tipo di realtà. Alcuni dei suoi firewall si autoconfigurano, semplificandoti l’installazione. Al tempo stesso hai anche dispositivi adatti a contesti con migliaia di utenti. In questo caso WatchGuard ti semplifica la gestione con il programma MSSP. Infine WatchGuard ti garantisce una protezione completa, sia sui dispositivi fisici, sia sul cloud.

Vuoi sapere come WatchGuard garantisce la sicurezza dei sistemi IoT? Contatta i nostri specialisti.

Ti potrebbe interessare
iot in azienda
IoT in azienda: un’opportunità da cogliere adesso
IoT per le smart cities
IoT per le Smart Cities
sfida
Nuovi progetti per i system integrator: cosa è cambiato con il Coronavirus?
elmat-smartik-iot
Smartik: l’IoT facile e flessibile che porta l’innovazione nelle aziende

Lascia un Commento