IoT per le Smart Cities

Le nuove soluzioni dell’Internet degli Oggetti integrano l’arredo urbano per ridisegnare il funzionamento delle città
IoT per le smart cities

IoT per le Smart Cities

Le nuove soluzioni dell’Internet degli Oggetti rendono le città più ecosostenibili e sicure

Ormai la smart city non è più solo l’obiettivo di un futuro a breve termine. Oggi la smart city è già realtà ed è in continua evoluzione. Ne sono la prova tutti i mutamenti, i progressi e gli avvenimenti storici avvenuti negli ultimi anni: la crescita dell’inquinamento, lo sviluppo di tecnologie sempre più interconnesse e la stessa emergenza Covid19. Ogni evoluzione ha cambiato le esigenze delle città, esigenze che le amministrazioni e i sistemi di governo devono conoscere molto bene prima di scegliere le piattaforme IoT per le smart cities.

Di cosa parliamo quando parliamo di IoT per le Smart Cities

Qualche anno fa il concetto di IoT per la smart city era più circoscritto all’efficienza energetica. Oggi un progetto di smart city comprende più aree che corrispondono a diversi bisogni, come la sicurezza e la salute.
La città dunque diventa intelligente quando riesce a soddisfare tutte le esigenze di chi ci vive e lavora. E per farlo non basta una sola soluzione, bensì un ecosistema di soluzioni IoT.

Infrastruttura di rete e pali modulari: le basi dell’IoT per le Smart Cities

L’IoT ha bisogno di connettività per poter veicolare i dati dai sensori al sistema centrale. Questo significa che è necessaria un’infrastruttura di rete che colleghi sia gli apparati presenti in outdoor, sia quelli installati all’interno degli edifici. Le reti cellulari, il Wi-Fi e i ponti radio sono le infrastrutture di rete più utilizzate. Per queste ultime due, Cambium Networks mette a disposizione apparati che possono fare da base ai progetti di Smart City, nonché soluzioni che si integrano con altre, come cn Vision.

L’IoT ha bisogno anche di un efficiente arredo urbano in grado di alloggiare i dispositivi e i sensori IoT. I pali smart di Technic sono ricavati da elementi tubolari in acciaio alternati a scuretti che permettono l’incastro tra i vari elementi. La progettazione di questo tipo di soluzioni segue alcuni criteri specifici e permette di:
– evitare quadri elettrici a terra;
– evitare cavi esterni al palo;
– avere la possibilità di orientare le telecamere in maniera estetica funzionale;
– sostenere eventuali display o corpi illuminanti.

La piattaforma IoT per le smart cities e le soluzioni correlate

Una volta che hai creato una base solida per il tuo progetto di smart city è il momento di scegliere le soluzioni che rispondono ai singoli bisogni della città. Vediamoli uno alla volta.
Controllo della qualità dell’aria: tra le funzionalità della soluzione all-in-one Smartik c’è anche la possibilità controllare la qualità dell’aria rilevando il livello di pm 10, pm 2.5, CO2 e gas radon. Questa funzionalità può essere utile soprattutto nei pressi delle scuole, delle RSA, dei parchi pubblici o di aree particolarmente inquinate.
Metering dei consumi: Smartik consente anche di controllare i consumi dell’energia elettrica. Così chi amministra una smart city può gestire al meglio l’illuminazione pubblica e tutti i dispositivi che funzionano con energia elettrica (esempio access point, telecamere, colonnine per la ricarica delle bici elettriche…). Si può ottimizzare l’accensione e lo spegnimento oppure rilevare dispositivi non funzionanti e anomalie.
Gestione e controllo del traffico con la videosorveglianza intelligente: per rispondere a questa esigenza consigliamo di utilizzare due soluzioni che si differenziano per il tipo di analisi. Tattile è il leader nella lettura targhe e le sue telecamere consentono di controllare il traffico a scorrimento e di individuare i veicoli per colore, marchio e tipologia.
Le telecamere e il software Avigilon, invece, effettuano la lettura targhe nei punti di accesso a determinate aree, come ad esempio le ZTL. Inoltre consentono anche di rilevare i veicoli in aree chiuse al traffico, anche temporaneamente per rendere più sicuri gli eventi all’interno della smart city.
Più sicurezza con la videosorveglianza intelligente: per garantire la sicurezza all’interno delle smart city consigliamo le telecamere e il software Avigilon. Si tratta della soluzione più completa e dunque perfetta per tutte le esigenze della città intelligente. Le telecamere hanno funzionalità analitiche direttamente a bordo. Questo significa che, oltre ad acquisire le immagini, analizzano i dati di queste immagini e inviano alert al verificarsi di determinati eventi.
Garantire la sicurezza sanitaria durante le emergenze come quella del Covid19: la videosorveglianza intelligente può essere la soluzione ideale anche per aumentare la sicurezza sanitaria e controllare il distanziamento fisico tra le persone. In uno dei nostri recenti articoli abbiamo parlato della soluzione VCA (Video Content Analysis) di Canon, un software di video analisi specifico per la gestione degli assembramenti.

Concludendo, possiamo affermare con certezza che il progetto di una città intelligente è molto articolato e prevede un ecosistema di soluzioni che lavorano per migliorare la qualità della vita dei cittadini e dell’ambiente in cui vivono. In base alle necessità le soluzioni IoT per le smart city rispondono tempestivamente e con precisione. Tutte queste, se ben progettate e integrate danno vita a una città più sicura ed ecosostenibile. Questa è la città del futuro di cui abbiamo bisogno ora.

Ti potrebbe interessare
iot sicurezza informatica
IoT e sicurezza informatica
dispositivi distanziamento sociale
Dispositivi per il distanziamento sociale: le integrazioni del software Milestone
software video analisi
Software di video analisi: i vantaggi di Canon e BriefCam
sfida
Nuovi progetti per i system integrator: cosa è cambiato con il Coronavirus?

Lascia un Commento