Sicurezza nella smart city

come proteggere le città intelligenti
smart city

Sicurezza nella smart city: come proteggere le città intelligenti

Le smart city vanno protette, più di qualsiasi altra realtà. Le città intelligenti, infatti, funzionano grazie a diverse soluzioni integrate tra loro. Si parte dalle tecnologie IoT che raccolgono grandi quantità di dati e si passa poi per tutte quelle tecnologie (Big Data Analytics, algoritmi basati sull’IA e tecniche di Machine Learning) che analizzano questi dati e ne estraggono informazioni cruciali per le soluzioni in campo e per i decisori finali. Come system integrator, hai di certo già compreso qual è il punto chiave nella sicurezza informatica di una smart city: proteggere questi dati.

Due principi da rispettare per la sicurezza delle città intelligenti

Tutte le smart city dovrebbero seguire due concetti di base:

  • il principio di privacy and transparency che riguarda la valutazione delle implicazioni della privacy sull’utilizzo delle nuove tecnologie urbane;
  • il principio di security and resilience che considera l’adozione di misure che proteggono le risorse informative delle città.

L’azione fondamentale per la protezione dei dati delle smart cities: la mappatura

Per rispettare questi due punti, bisogna innanzitutto conoscere tutte le tecnologie in campo nella smart city, pertanto la prima cosa da fare è mappare l’intero sistema (se già esistente) o mettere nero su bianco il progetto che hai in mente. Un consiglio: guarda lontano e pensa anche alle tecnologie che vorrai implementare in futuro.

Ora che conosci tutti gli attori in gioco, non pensarli come un groviglio di tecnologie e sistemi ma punta tutto sull’omogeneità dei servizi e delle infrastrutture della città intelligente, ponendoti come obiettivo l’armonizzazione dei sistemi e delle normative. Ciò non significa vedere l’intero sistema come un soluzione sola ma segmentare ogni singola tecnologia per poterla isolare nel caso di attacco.

Il passo successivo è mettere al sicuro l’intero sistema in ottica di sicurezza multilivello. Tutto deve essere protetto: i dati (con la cifratura), i firewall, le modalità di autenticazione e l’amministrazione dei diritti di accesso. Inoltre, ogni livello deve impiegare il modello zero-trust.

La soluzione Watchguard per la sicurezza delle smart cities

Con WatchGuard Dimension individui con facilità e precisione il traffico lecito per poi riconoscere, e di conseguenza allarmare e bloccare, il traffico anomalo, spia di un potenziale attacco in corso. Questa soluzione, dunque, ti dà la visibilità attraverso tutte le reti.

WatchGuard Dimension è uno strumento integrato, fornito in dotazione standard con ogni appliance WatchGuard Firebox®, che offre metodi di reporting intuitivi che semplificano la comunicazione delle attività delle minacce e la relativa correzione.
Questa soluzione non richiede configurazioni complicate, visualizza i dati in modo semplice e crea report intuitivi. In pratica ti consente di prendere importanti decisioni sulla policy di rete in poco tempo e senza difficoltà.
Vuoi conoscere tutte le potenzialità di WatchGuard Dimension? Contatta i nostri esperti qui.

Ti potrebbe interessare
cybersicurezza
6 trend della cyber-sicurezza che non puoi sottovalutare
watchguard elmat case study
Cyber security per gli endpoint di Sergio Bassan Srl con WatchGuard
Sicurezza informatica nelle aziende sanitarie e ospedaliere
Sicurezza informatica nelle aziende sanitarie e ospedaliere
Sicurezza informatica con WatchGuard

Lascia un Commento