La globalizzazione 2.0

La globalizzazione 2.0

condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone

Pietra angolare del secolo appena trascorso fu la celebre dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948 in cui venne sancita la medesima ed inalienabile dignità di tutti i membri della società in quanto imprescindibile fondamento di libertà e giustizia. E’ con la stessa inderogabile necessità che nel Giugno 2016 questi stessi diritti sono stati riconiati per il nostro duale digitale. “Gli stessi diritti che le persone hanno offline, devono loro essere riconosciuti anche online”. Così si apriva la risoluzione approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, intitolata “Promozione, protezione e godimento dei diritti umani online”.
Come nella prima globalizzazione “offline” fu (ed è ancora) imperativo costante promuovere uno sviluppo sostenibile sociale, culturale ed economico così è altrettanto in quella che può ormai definirsi come globalizzazione “online”. Epicentro di questa imprese sono sempre sistemi che grazie alle loro peculiarità si sono potuti riconoscere come trainanti in tale processo. Dapprima furono le forze democratiche a dover con ogni energia farsi largo nel mondo; oggi è la connettività a fare la reale differenza.
Allineato a progetti come WiFi.Italia.It su suolo nazionale e come WIFI4EU su quello continentale (in cui le tecnologie disponibili e i costi relativi giocano un ruolo fondamentale) si inserisce “Wireless Focus” di Cambium Network.
In una recente dichiarazione il presidente della commissione Europea Jean-Claude Juncker ha affermato che entro il 2020 si vorrà raggiungere ogni area di pubblica densità di ben 8.000 comuni con il free Wi-Fi e a supporto concreto di questo obiettivo verrano stanziati 120 milioni di euro.
I bandi per accedere a queste risorse definiscono naturalmente le caratteristiche che le infrastrutture devono avere in reazione allo scopo generale definito, caratteristiche che, ricordiamo, sono pienamente soddisfatte dai prodotti presenti nel portafoglio Cambium Networks.
Per accompagnarci in questo percorso verso un futuro sotto l’egida democratica della connettività ti aspettiamo al nostro corso di formazione incentrato sulla piattaforma Cambium Network ePMP il 18-19 luglio a Padova nella sede di Elmat, da sempre partner prezioso per un efficace valorizzazione dei nostri progetti.

Ti potrebbe interessare
Cambium Networks cnMatrix Enterprise Switches: connessione & sicurezza
Sicurezza: i benifici della componente Audio negli spazi pubblici
WI-FI FINGERPRINTS: UNA SOLUZIONE INTELLIGENTE
La mesh network vista da un esperto

Lascia un Commento